la politica è una cosa seria !

by

dai, visto che altrimenti non postate o commentate niente vi stuzzico in politica !!!!!

non bisogna prendere sotto gamba gli impegni di un politico….. sono pesanti, stressanti, e soprattutto ci vuole “cuore” per portare avanti le proprie idee !

p.s.: avevo postato il video del malore di berlusca, ma mi è sembrato cmq(a prescindere dalla parte politica) di cattivo gusto e l’ho sostituito con questo!!

questo non lo commento !!!!! non vorrei essere arrestato !!!!

Annunci

25 Risposte to “la politica è una cosa seria !”

  1. cuzzio Says:

    se non erro il secondo filmato è tratto da La mafia è bianca, dvd che vi consiglio di vedere per aprirvi ancora di più gli occhi su chi ci governa e ci governerà per anni. ci sarebbe molto da dire sulla comunicazione non verbale(leadership e teambuilding serve a qualcosa :)) di cuffaro che si ciuccia gli occhiali,si gratta la testa ecc.. mentre vengono raccontate le sue magagne.. ma purtroppo come diceva il protagonista del Gattopardo :”perchè le cose rimangano uguali bisogna che tutto cambi” e qui da noi sembra sempre che si cambi ma i problemi restano sempre gli stessi..

    ps. eccezionale l’espressione di Falcone mentre ascolta cuffaro eheh

  2. peppone Says:

    si infatti….. è tutto fantastico… bisognerebbe farlo vedere a scuola !!!

  3. abex Says:

    Già, molto interessante…anche se non me la sento di dire ciò che penso nei confronti dello “Zio Bacia Bacia”….. (l’ho tradotto in italiano perchè non tutti i nostri lettori conoscono la nostra lingua ^_^)

  4. harrier8 Says:

    La politica italiana è bella che morta, e già da diversi decenni.
    DUX mea LUX!

  5. Sergente Pepe Says:

    …o magari è nata già morta nel 1922… Ringraziamo il duce e i fanatici che gli sono andati dietro…

  6. cuzzio Says:

    posso mettervi subito daccordo rassicurandovi del fatto che personaggi come lo zio totò sono sempre esistiti, sin da prima della repubblica, quindi c’è poco da rimpiangere, piuttosto dovremmo preoccuparci di ciò che ci aspetta in futuro, un futuro che dovremmo fare noi giovani e invece è sempre nelle mani dei soliti vecchi che non si schiodano dalle loro poltrone, che siano di destra,di sinistra o di qualsiasi altra parte..

  7. Sergente Pepe Says:

    Non ho mai detto il contrario..

  8. peppone Says:

    signori ,vedo che non tutti commentano ……. peccato però, mi piacerebbe sentire alcune opinioni……

  9. fantic Says:

    Caro peppone, mi dispiace ribadirtelo, ma prima di parlare devi essere consapevole della tua scelta politica …
    Ciò premesso, volevo dire che sono daccordo con cuzzio per ciò che ha detto nell’ultimo post: “…un futuro che dovremmo fare noi giovani e invece è sempre nelle mani dei soliti vecchi che non si schiodano dalle loro poltrone, che siano di destra,di sinistra o di qualsiasi altra parte..”
    Se partiamo dal basso e ne siamo tutti convinti, io sn con voi.

  10. cuzzio Says:

    anche perkè è lampante che la classe politica attuale per intero si occupa solo di fare teatrino davanti alle telecamere, per poi essere pappa e ciccia all’esterno, e per i loro interessi(vedi la bocciatura del decreto che voleva ridurre gli stipendi e i vantaggi dei parlamentari per dirne solo una) quindi non c’è via d’uscita se non si cancella tutto con un colpo di spugna e si porta avanti una nuova generazione di politici. come dice Grillo, siamo gli unici ad essere governati da gente(come sempre sia di destra ke di sinistra) che è stata condannata per reati di ogni tipo, quando in altri paesi vengono cacciati se anche solo fanno le corna alla moglie, e questo dovrebbe farci riflettere

  11. peppone Says:

    proprio per quello che dite è chiaro che il mio attacco non è alla destra siciliana , ma alla classe che governa per ora la sicilia,cioè la destra nel suo rappresentante piu illustre!
    ovviamente non dico che se fossimo governati dall’altra parte politica sarebbe diverso, ma ribadisco che non siamo nessuno per commentare il passato (che conosciamo a malapena) o predire il futuro(che non conosciamo per niente!).per cui prendiamocela con questa politica ,questo modo di governare e di essere di noi siciliani!

  12. Sergente Pepe Says:

    Bah… Per lo meno Harrier non è stato paraculo… Qui tra chi parla di “schieramenti” come fosse tifo per una squadra di calcio e chi mi ritira fuori la solita retorica buonista imparata alle scuole medie, tra un pò mi aspetto di vedere spuntare dal nulla Maurizio Costanzo… Per favore, avrete pure una vostra testa e delle vostre personalissime opinioni; senza offesa, ma cominciate a discutere da persone “serie”…

  13. ANDREA(TOTO) Says:

    sono tutti dei mangia-franchi!!!!

  14. peppone Says:

    cmq vorrei sottolineare come dice diego che è inutile parlarne da buonisti o da ragazzini delle scuole medie, vorrei sentire opinioni concrete serie e personali e un po da tutti (anche da qualcuno che di recente sembra averci mollato!)

  15. harrier8 Says:

    Scusa peppone, ma continuo a non capire ne dove vuoi arrivare, ne tantomeno cosa vuoi sentire.
    Perchè continui a insistere di volere delle opinioni a riguardo?
    Lo sai, e lo sappiamo tutti che la “politica” di oggi fa schifo, e proprio per questo parlarne tra amici spesso porta a litigi, ormai non esiste più destra o sinistra, esiste più o meno str**zo.

  16. cuzzio Says:

    ma infatti concordo cno harrier, e non capisco i riferimenti al parlare da buonista o da scuole medie. se vi riferite a me, se dico che non mi sento rappresentato da nessuno schieramento è ragionamento infantile o buonista? bisogna avere per forzala bandiera di un colore per poter esprimere pareri? io sono sempre statouno che apprezza le cose buone a prescindere che le faccia uno di destra o uno di sinistra, fare opposizione per partito preso(e se si dice cosi ci sarà un motivo) mi sembra quantomeno opinabile e poco costruttivo,almeno questa è la mia opinione

  17. peppone Says:

    ovviamente mi riferivo a chi non ha espresso la propria opinione, volevo sentire piu persone possibili su questo argomento , vorrei anche essere criticato per averlo postato, vorrei capire a che punto siamo arrivati e secondo me discuterne gia è molto, nn credo che dire: “dove vuoi arrivare” sia costruttivo,lo sarebbe di piu una critica diretta a questo post, così da capire il pensiero di ognuno e poterne discutere!!!!!!

  18. Sergente Pepe Says:

    harrier8 Says:

    “Scusa peppone, ma continuo a non capire ne dove vuoi arrivare, ne tantomeno cosa vuoi sentire. […]”

    Peppone ha postato due video abbastanza interessanti, penso che si aspetti commenti un minimo più argomentati di un “sono tutti ladroni”…

    cuzzio Says:

    ” […] se dico che non mi sento rappresentato da nessuno schieramento è ragionamento infantile o buonista? […]”

    Nessuno contesta ciò che hai detto! Personalmente contesto ciò che non hai detto! Credo che discorsi come “il futuro e’ nelle nostre mani”, “aprezzo cio’ che è giusto a prescindere dal colore” e “non mi sento rappresentato” siano abbastanza retorici oltre che sentiti e risentiti miliardi di volte… Andiamo un pò a fondo: come pensi potremo migliorare le nostre aspettative future?! Come credi sia giusto comportarci per far si che le cose cambino?! E soprattutto… Cosa deve cambiare e in che cosa?!

    A mio parere, se pur è vero che gli attuali governanti sono quello che sono (ladri, porci, puzzoni, latrine, buffoni, etc.. etc…), credo che il vero problema attuale del paese sia da ricercare alla radice dell’attuale sistema politico; in fondo sappiamo tutti che per arrivare a contare qualcosa in Italia, ma credo anche altrove, o sei figlio della gallina bianca o il culo a qualcuno devi pure offrirlo… e sfido chiunque a “piegarsi” senza poi voler ricevere gli adeguati “risarcimenti”… Purtroppo ci hanno da sempre infinocchiato che “democrazia è la GIUSTA via”, e ci hanno sempre nascosto che sin da subito essa è degenerata nella politca del compromesso, che sia con l’avversario, col ricco o con il mafioso, poco cambia, sta di fatto che i giochi sono questi e non provate ad illudermi che, se solo si vuole, tutto ciò può cambiare, nessuno di noi “giovani”, dai buoni ideali e dalla scarsa ingordigia, avrà strumenti per cambiare le cose se non dopo dovuta, scusate il termine, “pecorina”…

    Così è… Se vi pare…

    Sgt. Pepe

    “Contro lo stato non è reato… Contro lo stato è reazione…” [Bloody Riot]

  19. harrier8 Says:

    Gia da diversi anni, e ultimamente sempre di più (e non mi viene difficile far coincidere la data di inizio con un determinato periodo), la nostra educazione a scuola ci viene impartita in evidente (o forse non tanto evidente) falsa riga. I libri sui quali ci fanno studiare sono chiaramente di un “colore”, e per tanto nulla ci viene posto in maniera obiettiva, e di conseguenza abbiamo una visione “distorta” se non totalmente “falsata” di quello che è il passato e il presente della nostra nazione. Quello che dovremmo imparare a fare (e intendo tutta l’Italia) è di guardare le cose da due o più punti vista, e solo alla fine trarne le dovute conclusioni.
    E’ davvero molto facile inculcare concetti come “democrazia” e “libertà”, e percarità nessuno dice che non siano nobili, ma dobbiamo tenere in considerazione anche molti altri fattori.
    Democrazia = governo del popolo.
    mah!
    avete presente i finlandesi? gli svedesi?
    forse loro si che sono in grado di governarsi, ma per l’amor di dio, avete presente il popolo italiano? C’è realmente uno di voi che pensa che l’italiano possa governarsi da solo? ma smettiamola!!
    E infatti quello che succede è che arriva o qualcuno col pugno forte, vedi Cesare, Augusto, e perchè no lo stesso Duce, e trasforma il popolo in un impero, o arriva un gruppo di cogli.ni e manda a schifiu tutto.
    Libertà, proprio una bella parola, peccato che non esiste! O vivi da solo in un’isola deserta, o non sei libero. Ed ecco che puntualmente arriva il parac.lo e dice “la libertà di uno finisce quando cominicia quella di un altro” che se ci pensate bene non vuol dire nulla. Se si vive in uno stato si hanno sempre limitazioni, di conseguenza non può esistere la libertà.
    Chissà in quale stato (anche se dubito che ne possa esistere alcuno) questi due concetti sono all’ordine del giorno, una cosa è certa però, qui, in Italia, non succederà mai. Lo insegna la storia. Quella vera.

    “Bisogna sopravvivere e mantenere nel cuore la fede.
    Il mondo me scomparso, avrà bisogno ancora dell’idea che è stata e sarà la più audace, la più originale e la più mediterranea ed europea delle idee.
    La storia mi darà ragione..” Benito Mussolini

  20. Sergente Pepe Says:

    Non riesco a mandare la risposta ad Harrier8…

  21. Sergente Pepe Says:

    *Provo dividendo in due parti.*

    harrier8 Says

    […] I libri sui quali ci fanno studiare sono chiaramente di un “colore” […] di conseguenza abbiamo una visione “distorta” se non totalmente “falsata”
    di quello che è il passato e il presente della nostra nazione. […]

    Mi sembra un pò un’estremizzazione… E’ vero che scrive libri, seppur scolastici, è inevitabilmente (e involontariamente aggiungerei) condizionato da quale sia il suo orientamento politico, stesso discorso vale (non sempre!) per chi sceglierà di leggerne o insegnarne. Certo spesso si usano pesi e misure differenti fra i vari testi, ma arrivare a dire che viene propinata un’idea distorta e falsata di ciò che è la realtà mi sembra un atteggiamento da revisionista.
    (tra parentesi, l’italia nell’ultimo secolo ebbe uno dei più grandi esponenti nonchè pioniere della manipolazione dell’informazione, quindi del popolo, spero tu non ti stia chiedendo a chi mi riferisca…)

    Democrazia = governo del popolo.
    mah! […]

    Hai le idee un pò confuse amico mio… Partendo dalle ostentazioni autocelebrative di imperi grandi e grandi comandanti (!!), di cui probabilmente trascuri imbrogli, soprusi, oppressioni e sangue sparso per tutto le proprie dominazioni come prezzo che i loro popoli hanno dovuto pagare per quella gloria e benessere di cui hanno soltanto sentito parlare…
    Per quel che riguarda il resto siamo nel tipico caso citato nelle prime righe; spesso e volentieri viene dato troppo poco peso alla spiegazione, o anche solo all’importanza, di determinate realtà politiche e di grandi pensatori forse troppo poco schierati per essere influenti all’indottrinamento pilotato (…sempre per mantenere la falsa riga dell’estremismo…). Io stesso tendo a deviare o ironizzare sull’argomento quando mi viene chiesto parere da chi so essere sordo che non vuol sentire. Se pensi sia giusto predicare bene e razzolare altrettanto puoi dare un’occhiata qui httpwww.ecn.orgcontropotereanarchia.htm se non altro per sapere almeno come si senta la musica in un’altra campana.

    *continua*

  22. Sergente Pepe Says:

    *a seguire*
    sempre harrier8 Says:

    “Se si vive in uno stato si hanno sempre limitazioni, di conseguenza non può esistere la libertà.”

    Stai parlando con uno che, seppur per motivi differenti, digerisce malamente i termini “stato” e “libertà”…

    “Chissà in quale stato (anche se dubito che ne possa esistere alcuno) questi due concetti sono all’ordine del giorno”

    Non capisco, o qui c’è un controsenso o data l’ora comincio a capire poco…

    ” “Bisogna sopravvivere e mantenere nel cuore la fede.
    Il mondo me scomparso, avrà bisogno ancora dell’idea che è stata e sarà la più audace, la più originale e la più mediterranea ed europea delle idee.
    La storia mi darà ragione..” Benito Mussolini”

    Aspè… Devo capire a quale idea si riferisce; l’ha detto quando odiava borghesia, chiesa e chi comanda, o dopo, quando c’ha fatto comunella…?!

    Beh, sta di fatto, per tornare in tema, che dove c’è gerarchia c’è chi aspira a scalarla, meno scrupoli, più vertigini… L’ideale perchè si verifichino le situazioni che ci ha mostrato Peppone… no?!

    Saluti,
    Sgt. Pepe

    P.s. Un bacino per Harrier sta tranquillo, almeno che non tifi roma sei sempre nu bravo guaglione…

    P.p.s.: Non so perchè nel copiare e incollare sono saltate alcune parole e parte della punteggiatura, abbiate pazienza…

  23. harrier8 Says:

    mi siddia rispondere, anche perchè se lo facessi non smetteremmo più.
    Io dico stronzate, tu dici stronzate, ognuno ha le sue stronzate in testa e ormai difficilmente può cambiare idea.
    Indi se qualcuno vuole continuare a partecipare lo faccia pure, io mi limiterò a leggere.

  24. Sergente Pepe Says:

    … senza parole…

  25. Sergente Pepe Says:

    Basta… Erano troppe notti che non ci dormivo… Qualcosa dovevo dire e spero scusiate il ritardo… Ma questa è la dimostrazione che chi “si crede” fascista non guarda più in là della propria cappella… oooh… Ora spero se ne vada il groppo alla punta dello stomaco!

I commenti sono chiusi.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: